giovedì 13 agosto 2015

12 agosto 2015 - Serata a "La Gatta Mangiona"



Non c'è niente da fare, quando sei con persone amiche, con le quali il sorriso ti viene fuori ogni minuto, potresti anche andare in capo al mondo. 
Poi se è Agosto, stai a Roma e decidi di passare la serata a La Gatta Mangiona, meglio ancora.
Ci accoglie Giancarlo Casa. 

Abbiamo già avuto modo di conoscerlo alla nostra Quinta Convention..
Voce profonda e sguardo sornione. E' veramente una persona piacevole. 
Siamo lì che non sono nemmeno le 20. 
Il locale nel giro di 20 minuti si riempie... per il primo turno di cena. 
Il secondo turno inizia verso le 21.30... 
Io sono andata con il preciso intento di assaggiare tutti i supplì possibili. Poi una volta arrivata mi sono vergognata e così ho mangiato soltanto due supplì, una crocchetta, un filetto di baccalà e poi, ovviamente. ho ordinato la pizza "Due Sicilie". Tanto per far capire la ricchezza dei condimenti.
Dura la vita certe volte... 










La serata scorre leggera tra pizza e birre... una lista di vini a dir poco spettacolare. 
Decine e decine di etichette selezionate una a una da farti fare il giro del mondo in una serata. 
Prima di passare ai dolci, Giancarlo ci fa assaggiare un altro supplì, particolare... 
nessuno di noi riesce ad individuare il sapore principale (crema di gorgonzola piccante, aringa affumicata e il riso cotto in una birra magica...)
Siamo quasi come i bambini che si leccano le dita. 
Si passa ai dolci, accompagnati  da un delizioso Passito di Pantelleria. 



Io potrei mangiare cheese-cake vita natural durante. Infatti cosa mi faccio portare?? 













Serata deliziosa. 
Ottima compagnia e il brindisi "a noi" non poteva mancare! 

E' la mia prima volta a La Gatta Mangiona, osservo tutto con molta attenzione.
E' facile intuire il perché di tanto successo.
Giancarlo è un condottiero garbato, ha un ottimo feeling con il suo staff dinamico e gentile. 
Offre dei prodotti studiati a tavolino, abbinamenti speciali. Il clima che si respira è sereno.
Tutto il locale è un gioiello. 
Merita. Merita davvero. Da provare e riprovare. 
Non ci sono Cecilia e Stefano ieri sera, la moglie e il socio di Giancarlo Casa, non c'è nemmeno il pizzaiolo Mahmoud Gouda, conosciuto a Igea, tornerò molto volentieri per conoscerli e salutarli. 
A presto e grazie di tutto!


Una musica, un ricordo, ha accompagnato la nostra serata. 
Ancora la canticchio... 
"In questa notte di agosto 
ogni stella al suo posto lassù,
in questa notte di strada quella che manca sei tu,
in questa estate romana di musica e fotografia
ancora più mia...
Amore, dimmelo tu cos'è,
quello che ancora ci manca, 
quello che ancora non c'è...
e che ti prende alle spalle 
e non ti fa tornare indietro,
più indietro.
Tu... dimmelo tu cos'è.
Oh, tu... dimmelo tu cos'è."


Enjoy!



Nb. La disposizione delle foto con metodo CDC fa parte di una guerra in corso tra me e le impostazioni del blog. Prima o poi vincerò...